ariano irpino

Città di Ariano Irpino Comune capofila
distanziatore.gif (43 byte)
Piano di Zona per lo Sviluppo Sociale dell'Ambito Territoriale A1
 
Avviso di selezione pubblica per titoli e colloquio
per il reperimento di figure professionali necessarie all’implementazione delle attività e dei servizi previsti dal Piano di Zona Sociale ai sensi della L. 328/00

 

IL DIRIGENTE
DELL'UFFICIO DEL PIANO DI ZONA SOCIALE  A1

In  esecuzione delle deliberazioni del Coordinamento Istituzionale assunte nelle riunioni del 22 marzo 2002 e 9 aprile 2002,

RENDE NOTO

Art. 1: FINALITÀ DELL’AVVISO

E' indetta una selezione pubblica per titoli e colloquio per il conferimento di n. 50 incarichi professionali con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Tali figure professionali sono necessarie per l’implementazione della progettazione esecutiva del Piano di Zona Sociale A1, presentata alla Regione Campania il 28 febbraio 2002, ai sensi e per gli effetti della legge n. 328/2000 ("Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali").

 

Art. 2: PROFILI RICHIESTI E COMPENSI PREVISTI

Le 50 figure professionali da selezionare sono così individuate: 

Le figure professionali sopra indicate saranno assegnate ad una delle quattro Antenne Sociali (dislocate presso i Comuni di Mirabella Eclano, Grottaminarda, Vallata e Ariano Irpino) e/o all’Ufficio di Piano (presso il Comune capofila) con provvedimento del Dirigente dell’Ufficio di Piano che, in funzione delle esigenze di servizio e della graduatoria di merito, stabilirà l’impegno minimo mensile e l’attribuzione degli obiettivi da raggiungere da parte di ciascun collaboratore.

L’erogazione dei compensi di cui al presente avviso di selezione è subordinata all’avvenuta acquisizione da parte del Comune capofila dei fondi trasferiti dalla Regione Campania.

 

Art. 3: REQUISITI PER L’AMMISSIONE

Per l’ammissione al bando sono prescritti i seguenti requisiti minimi:

  1. cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabiliti dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell'Unione Europea con adeguata conoscenza della lingua italiana;

  2. idoneità fisica all’impiego;

  3. godimento dei diritti civili e politici;

  4. titolo di studio richiesto per il posto messo a bando e/o esperienza documentata;

  5. età non inferiore a 18 anni compiuti e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per collocamento a riposo;

Non possono accedere agli incarichi coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del presente bando.

Il difetto anche di uno solo dei requisiti prescritti comporta la non ammissione alla selezione.

Il candidato che intende partecipare alla selezione per più profili professionali dovrà presentare distinte domande di partecipazione e, nel caso in cui risultasse vincitore di più profili, egli dovrà optare per uno solo di essi.

E’ garantita pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso agli incarichi di cui al presente bando.

 

Art. 4: PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Le domande di ammissione alla selezione, redatte su carta semplice e sui modelli di domanda appositamente predisposti, dovranno essere indirizzate all’Ufficio del Piano di Zona Sociale A1, e dovranno pervenire al Protocollo Generale del Comune di Ariano Irpino a mezzo posta raccomandata A.R., o consegnate a mano, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 6 maggio 2002. Sulla busta va posta la dizione “Avviso pubblico di selezione per affidamento incarichi professionali Piano di Zona Sociale A1”. La domanda dovrà indicate il profilo prescelto ed essere contenuta in busta chiusa unitamente al curricula, alla documentazione comprovante i requisiti di partecipazione ed i titoli cui al presente bando. Non saranno prese in esame le domande incomplete o pervenute oltre i termini previsti.

Nella domanda gli aspiranti devono indicare:

  1. il nome ed il cognome;

  2. la data ed il luogo di nascita e la residenza;

  3. il possesso della cittadinanza italiana, o equivalente. Coloro che non sono cittadini italiani devono dichiarare lo Stato di nascita e di avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana;

  4. il Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, ovvero i motivi della loro non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

  5. di non aver riportato condanne penali e di non aver procedimenti penali pendenti; in caso contrario, in luogo di tale dichiarazione essere specificate tali condanne o devono essere precisamente indicati i carichi pendenti; 

  6. i titoli di studio posseduti;

  7. posizione regolare nei confronti degli obblighi militari;

  8. il codice fiscale;

  9. la figura professionale cui intende concorrere;

  10. il titolo di studio posseduto con l’indicazione della votazione finale ottenuta e la data d’iscrizione all’Albo Professionale, ove esistente;

  11. di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero di non essere decaduto dall’impiego stesso ai sensi dell’art. 127, lettera d) del D.P.R.10 Gennaio 1957, n.3;

  12. l’idoneità fisica all’impiego; l'Ufficio di Piano ha facoltà di sottoporre a visita medica di controllo i vincitori della selezione in base alla normativa vigente. E' fatta salva la tutela per i portatori di handicap (legge 5.2.1992 n. 104).

  13. la dichiarazione di consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi della legge n° 675/1996, per l’espletamento della procedura dell’avviso e per l’eventuale affidamento dell’incarico;

  14. nella domanda, inoltre, ciascun aspirante dovrà indicare, qualora ne ricorrano le circostanze:

    • i titoli di servizio prestati presso enti territoriali e/o privati;  con mansioni similari a quelle messe a bando;

    • i titoli culturali e di qualificazione professionale attinenti alle mansioni da ricoprire e ritenuti utili ai fini della valutazione;

    • l’indirizzo al quale recapitare eventuali comunicazioni, se differente dalla residenza, con l’esatta indicazione del c. a. p. nonché del numero telefonico.

L’Ufficio di Piano si riserva la facoltà di procedere ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni citate. Qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, l’aspirante, dovrà rispondere ai sensi delle leggi vigenti in materia di dichiarazioni non veritiere.

E’ escluso l’instaurarsi di qualsiasi rapporto di lavoro subordinato con i Comuni del Piano di Zona Sociale A1 per effetto degli incarichi di cui al presente avviso.

La mancata sottoscrizione della domanda da parte dell’aspirante costituisce motivo d’esclusione dalla selezione.

L’Ufficio di Piano declina sin d’ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte dell’aspirante concorrente o da mancata oppure tardiva comunicazione dei cambiamenti d’indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell’Ufficio di Piano o del Comune capofila.

La carica di Sindaco, di Assessore e di Consigliere Comunale, dei Comuni afferenti al PdZ Sociale A1, è incompatibile con gli incarichi di cui al presente bando. E’ incompatibile, altresì, la posizione di collaboratore e/o dipendente di un soggetto del 3° settore con l’incarico di responsabile di Antenna sociale e/o di collaboratore dell’Ufficio di Piano.

Art. 5: COLLOQUIO FINALE

Il colloquio è volto a sondare la conoscenza nei campi di interesse del presente avviso, nonché ad accertare la disponibilità, le motivazioni e l’attitudine dei candidati al tipo di prestazione professionale richiesta.

In particolare, in considerazione dei compiti assegnati al Piano di Zona Sociale ed all’Ufficio di Piano, il colloquio sarà finalizzato ad accertare capacità di elaborazione progettuale, attitudine del candidato al coordinamento, capacità di lavorare in gruppo con spirito di iniziativa e di adattamento nelle attività da intraprendersi, capacità nella gestione delle risorse, conoscenza approfondita del territorio di riferimento, capacità di analisi e di elaborazione dei dati sui bisogni sociali, conoscenza di apparecchiature e applicazioni informatiche, conoscenza dell’organizzazione della Pubblica Amministrazione e degli atti fondamentali degli enti locali, legislazione comunitaria, nazionale e regionale in materia di politiche e servizi sociali.

Per i candidati ai quali è richiesta la Laurea in Economia e Commercio o Giurisprudenza, il colloquio verterà, altresì, sulle seguenti materie: elementi di diritto amministrativo, ordinamento degli enti locali (TUEL – D. lgs. 267/00), funzioni e compiti attribuiti dalla normativa vigente ai comuni e loro consorzi nell’area dei servizi socio-assistenziali, forme e modalità di gestione e di affidamento dei servizi sociali, organizzazione e gestione delle risorse finanziarie ed umane finalizzate all’erogazione dei servizi socio-sanitari.

L’elenco dei concorrenti ammessi, l’indicazione del luogo, dell’ora e della data del colloquio sarà pubblicato  all’albo pretorio del Comune capofila e degli altri tre Comuni sede di Antenna Sociale (Grottaminarda, Vallata e Mirabella Eclano) almeno 7 giorni prima della data nella quale si terrà il colloquio. Entro lo stesso termine detto avviso sarà pubblicato sul sito Internet del Comune capofila: http://www.comune.ariano-irpino.av.it              

Per poter sostenere il colloquio i partecipanti dovranno esibire un valido documento di riconoscimento. Saranno considerati decaduti color che non si presenteranno a sostenere il colloquio nella data, ora e sede stabilita, anche per cause non dipendenti dalla volontà dei partecipanti.

Art. 6: COMMISSIONE ESAMINATRICE

La Commissione preposta all’esame dei curricula, dei titoli e della relativa documentazione, nonché all’espletamento del colloquio con i candidati selezionati, sarà composta dal Presidente e da altri quattro componenti nominati dal Presidente del Coordinamento Istituzionale sentito il parere dello stesso.

Art. 7: PUNTEGGIO CHE LA COMMISSIONE ESAMINATRICE POTRA’ ATTRIBUIRE

La Commissione, per tutta la procedura selettiva, ha a disposizione complessivamente punti 100 che saranno attribuiti come segue:

Art.  7bis: VALUTAZIONE DEI TITOLI:

1. Titolo di studio

I complessivi 20 punti previsti per il titolo di studio specificamente richiesto per l’accesso al posto, saranno così attribuiti:

a) al titolo di studio conseguito con votazione calcolata su 110, viene attribuito il seguente punteggio:

Votazione

Punti

DA

A

 

66

76

2

77

86

4

87

96

6

97

101

8

102

105

12

106

109

15

110

110

18

 

110 lode

20

b) al titolo di studio conseguito con votazione calcolata su sessantesimi, viene attribuito il seguente punteggio:

Votazione

Punti

DA

A

 

36

41

2

42

45

4

46

49

8

50

53

12

54

56

16

57

59

18

60

60

20

Nel caso in cui la valutazione del titolo di studio sia espressa diversamente, il punteggio sarà determinato effettuando le relative proporzioni.

2. Titoli di servizio

Sarà valutato il  periodo di servizio prestato, a tempo determinato e con incarico diretto, presso pubbliche amministrazioni, in mansioni ed attività professionali corrispondenti o strettamente attinenti al profilo professionale richiesto.

Nell’ambito dei complessivi 10 punti disponibili e fino al raggiungimento del punteggio massimo conseguibile, saranno attribuiti punti 1 per ogni semestre di servizio, o frazione superiore a 3 mesi.

Gli eventuali periodi di servizio in corso, saranno valutati fino alla data di pubblicazione del presente avviso di selezione.

3. Titoli vari

La valutazione si sostanzierà solo su elementi nuovi rispetto alle altre categorie di titoli.

Saranno, pertanto, oggetto di valutazione:

  1. idoneità in concorsi pubblici corrispondenti o analoghi a quello dell’incarico professionale di cui al presente avviso: punti 1 per ogni idoneità, fino ad un massimo di punti 2

  2. Ulteriori titoli di studio pari o superiori a quelli previsti per l’ammissione, non attinenti al profilo professionale richiesto: punti 0,5

  3. Specializzazioni, perfezionamenti o abilitazioni professionali non attinenti all’incarico: punti 0,5;

  4. Possesso di una seconda laurea diversa da quella prevista per l’accesso al posto, ma compresa tra quelle previste per il posto di responsabile di antenna sociale: punti 2

  5. Incarichi di insegnamento e professionali non rientrati nel successivo punto 4:  punti 1

4. Curriculum formativo e professionale

Nel curriculum formativo e professionale sono valutate le attività e le esperienze professionali e di studio, formalmente documentate, non riferibili ai titoli già compresi nelle altre categorie, idonee ad evidenziare il livello di qualificazione professionale acquisito, e specifiche rispetto all’incarico da conferire.

I complessivi punti 10 per il curriculum saranno così attribuiti:

  1. partecipazione a corsi di perfezionamento, di formazione professionale, etc. post diploma, presso Istituti ed Enti riconosciuti e qualificati, di durata almeno semestrale o di 50 ore, che si siano conclusi con una prova di esame superata: punti 1 per ogni corso, fino ad un massimo di 3 punti;

  2. partecipazione a corsi di formazione, congressi, convegni, seminari, incontri, etc.,: punti 0,5 per ogni attestato di partecipazione, fino ad un massimo di punti 2;

  3. servizio prestato presso privati o per conto di Enti ed Organizzazioni del Terzo settore per lo svolgimento di mansioni ed attività specifiche, documentabili e verificabili, attinenti al profilo professionale oggetto della selezione: punti 0,5 per ogni semestre di servizio o frazione superiore a tre mesi, fino ad un massimo di punti 3;

  4. pubblicazioni di articoli e saggi in materia di politiche sociali, ritenuti meritevoli di valutazione dalla Commissione, punti 1 per ogni pubblicazione, fino ad un massimo di punti 2.

5. Titolo di studio superiore

Per  i profili professionali per i quali è richiesto il possesso della laurea quale requisito per l’accesso, sarà valutato, considerandolo titolo di studio superiore ed attribuendovi punti 4, il possesso di un titolo di specializzazione o perfezionamento, attinente all’incarico da attribuire, conseguito in corsi universitari post-laurea, di durata almeno biennale.

Per i profili professionali per i quali è richiesto il possesso del diploma di scuola media superiore o universitario, sarà valutato, attribuendovi punti 4, il possesso di una delle lauree previste per l’accesso al posto di responsabile di  Antenna sociale.

Art. 8: GRADUATORIA

Al termine delle prove di colloquio, la Commissione esaminatrice formulerà la graduatoria dei candidati idonei. Tale graduatoria, dopo l'approvazione, sarà pubblicata all’albo pretorio dei Comuni sede di Antenna Sociale (Vallata, Ariano Irpino, Grottaminarda e Mirabella Eclano).

I primi classificati, in ordine al numero di incarichi disponibili per quel profilo, saranno nominati vincitori della selezione. A parità di punteggio sarà scelto il candidato più giovane.

La graduatoria rimane efficace per un periodo di 12 mesi dalla data della sua approvazione e potrà essere utilizzata a scorrimento - per i rispettivi profili - per la copertura dei posti che dovessero rendersi disponibili e necessari per i servizi ed attività previsti dal PdZ. Nel caso in cui, per qualunque ragione, uno o più incarichi non dovessero essere ricoperti, l’Ufficio di Piano si riserva la facoltà di ridistribuire, per ciascun profilo, il numero di ore disponibili ai candidati risultati vincitori.

In caso di rinuncia subentreranno i migliori classificati nelle rispettive graduatorie.

La decisione della Commissione è inappellabile.

Art. 9: CONFERIMENTO DELL’INCARICO

Il concorrente dichiarato vincitore dovrà far pervenire all'Ufficio di Piano, entro 7 giorni dalla richiesta, tutti i documenti previsti per la costituzione del rapporto di lavoro, nonché la documentazione attestante il possesso dei titoli culturali e professionali ammessi a valutazione e dichiarati nella domanda di ammissione e nel curriculum formativo professionale allegato.

Nel caso in cui i documenti fatti pervenire dal concorrente o acquisiti d’ufficio non dimostrino il possesso dei requisiti prescritti per l’accesso all'incarico, dei titoli valutati o solo dichiarati all’atto della domanda di ammissione alla selezione, il concorrente dichiarato vincitore decade dal diritto all’incarico e viene escluso dalla graduatoria finale, fatta salva ogni eventuale ed ulteriore conseguenza anche penale a suo carico.

L’Ufficio di Piano, verificata la sussistenza dei requisiti prescritti, procederà alla stipula dei relativi contratti/convenzioni a disciplina delle modalità, del  tipo di rapporto e degli effetti economici.

La data di inizio dell’incarico sarà stabilita dal Dirigente dell’Ufficio di Piano nei contratti/convenzioni che si andranno a stipulare; la data di scadenza, invece, è fissata al 31/12/2002, salvo proroga disposta da parte dello stesso Dirigente a seguito:

Art. 10: NORME FINALI

La partecipazione alla selezione comporta l’accettazione, senza riserve, di tutte le prescrizioni e le precisazioni del presente bando, nonché di quelle che disciplinano o disciplineranno lo stato giuridico ed economico degli incarichi professionali messi a bando.

I dati personali trasmessi dai candidati con le domande di partecipazione al bando, saranno trattati per le finalità di gestione del bando, ovvero per la gestione del rapporto stesso, ai sensi dell'art. 10 della Legge 31.12.1996 n. 675.

Per quanto non espressamente previsto dal presente bando, si fa riferimento al codice civile ed alle norme vigenti per gli incarichi di consulenza, di collaborazione occasionale e di collaborazione coordinata e continuativa: D. lgs del 23 febbraio 2000, n. 38; circolare INPS n. 193 del 26 agosto 1998, circolare INPS n. 83 del 28 marzo 1998; circolare Ministero delle Finanze n. 207/E del 16 novembre 2000; art. 34 della Legge 21 novembre 2000, con effetto dal 1 gennaio 2001, n. 342; T.U. delle imposte sui redditi;

L’Ufficio di Piano, su proposta del Coordinamento Istituzionale, si riserva la facoltà di modificare, prorogare, sospendere o revocare il presente bando, o parte di esso, qualora ne rilevasse la necessità e l’opportunità per ragioni di pubblico interesse.

Per informazioni e per ricevere copia integrale del presente bando e dei modelli di domanda, rivolgersi all’Ufficio del Personale dei Comuni aderenti al PdZ Sociale A1 e/o presso l’Ufficio di Piano sito in Corso Europa – Palazzo Maresca   - 83031 Ariano Irpino tel. 0825/875302 - tel/fax  0825-873274  - 825900.

Del presente bando sarà data pubblicità mediante l’affissione all’albo pretorio dei Comuni aderenti al PdZ A1, con un’inserzione su un quotidiano a diffusione provinciale e, inoltre, attraverso il sito Internet del Comune capofila: http://www.comune.ariano-irpino.av.it

Ariano Irpino, lì 13 aprile 2001

IL PRESIDENTE
DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE
IL DIRIGENTE
DELL'UFFICIO DI PIANO
(Dott. Antonio Ninfadoro) (Giuseppe Fiorellini)

 

 
HOME La Città Amministrazione Bandi Area Finanziaria Manifestazioni Cerca nel Sito Mappa del Sito
Comune di Ariano Irpino - P.zza Plebiscito | Tel 0825.875100 | Fax 0825.875147 | e-mail